COMPLESSO RESIDENZIALE - Nuova costruzione San Lazzaro di Savena (Bo)

tipologia:
Architettura per l'abitare
realizzato da:
TRIGLIFO Studiassociato Architettura e Ingegneria, arch Ivanoe Castori
ubicazione:
Via Cà Ricchi, San Lazzaro di Savena (Bologna)
committente:
Consorzio Copalc Bologna scarl, Bologna
dimensione:
19 alloggi - autorimesse - cantine
data progetto:
2004
data fine lavori:
2007

Descrizione

Il progetto trae le origini dal piano particolareggiato del comparto Pru del Comune di San Lazzaro di Savena (Bologna). L’area oggetto del piano particolareggiato è stata interessata da lavori di bonifica ambientale, un tempo a destinazione industriale ed in particolare utilizzata per lo stoccaggio di rifiuti nocivi. La nuova destinazione dell’area, attraverso un accordo di programma, è di tipo residenziale con particolare vocazione per l’affitto. Il piano particolareggiato prevedeva la costruzione di tre edifici residenziali, due (A e B) destinati all’affitto permanente mentre il terzo (C) destinato alla vendita ed interessato da un diverso soggetto attuatore. Il progetto ha riguardato la costruzione dell’ edificio C destinato alla vendita. I tre edifici sono collegati da una rete di percorsi pedonali pavimentati che attraversano la corte condominiale, sistemata a verde; uno dei percorsi passa sotto l’edificio A e prosegue a ovest verso un’area destinata alla realizzazione di parte del sistema di verde pubblico perifluviale del Savena. Tutte le essenze vegetali arboree, sia nelle aree di uso condominiale che di uso privato, rientrano nell’elenco previsto dallo specifico Regolamento Comunale. L’edificio si sviluppa per quattro piani fuori terra per un totale 19 alloggi; il piano interrato, destinato alle cantine e alle autorimesse, è comune ai tre edifici e raggiungibile mediante due rampe opposte a doppio senso di marcia. Gli edifici A e B sono a “L” e parte del piano terra è porticato e arredato con sedute in modo da costituire uno spazio di incontro e aggregazione all’interno della corte comune; l’edificio C è invece strutturato a stecca e chiude in tal modo il lato lungo della corte. Gli edifici sono stati progettati in modo che all’interno del comparto le finiture degli stessi siano omogenee. Le coperture sono a falde inclinate, con manto di tegole in laterizio; la finitura esterna delle facciate è costituita da cappotto intonacato e tinteggiato. Gli infissi sono in legno, con sistema di oscuramento ad avvolgibile, i bancali sono in cemento e i parapetti di logge e balconi sono in muratura. Gli alloggi al piano terra sono tutti dotati di giardino privato, con recinzioni in grigliato metallico e siepi di completamento.